Fiat Panda: a Pomigliano d’Arco si festeggiano 7,5 milioni di esemplari

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

Ci sono date da ricordare, ma anche numeri da mettere in cornice. Fiat ne sa qualcosa e l’ultimo record battuto dalla casa italiana vede protagonista la piccola Fiat Panda. Nello stabilimento di Pomigliano d’Arco ha infatti visto la luce il milionesimo esemplare. A darne il “lieto evento” è la stessa casa torinese che ha comunicato che la milionesima Fiat Panda è nata dalla linea di produzione campana, in provincia di Napoli – in allestimento City Cross con motore benzina 1.2 da 69 CV. Modello che verrà commercializzato proprio qui in Italia.

E il pubblico italiano si sta dimostrando sempre più affezionato alla piccola “pandina” – basti pensare che negli ultimi cinque anni resta salda al primo posto tra le auto più vendute nel nostro paese. Un’automobile che possiamo ormai definire leggendaria, nata per sostituire nel 1980 addirittura la Fiat 126 e che ad oggi ha visto sul mercato tre differenti serie. Dalla primi mitica versione disegnata addirittura da Giorgetto Giugiaro non ha visto particolari modifiche fino al 2003 – con il debutto della Panda del terzo millennio. Una seconda versione realizzata sulle linee di produzione polacche – per poi trasferirsi definitivamente di nuovo in Italia con la terza serie datata 2011-2012 – proprio a Pomigliano d’Arco.

E badiamo bene: il milionesimo esemplare di cui vi stiamo parlando riguarda proprio tra quelli nati negli stabilimenti campani. Già, perché se guardiamo alla produzione complessiva della nostrana Fiat Panda dobbiamo alzare di molto l’asticella produttiva, fino alla soglia dei 7,5 milioni di esemplari. Mica male per una piccola utilitaria nata in un lontanissimo 1980…

Da ricordare

la Fiat Panda agli inizi degli Anni ’90 debuttò addirittura in versione Elettra – chissà se qualcuno se la ricorda. Fu il primo esempio di auto a trazione elettrica realizzata dalla casa di Torino. Era alimentata con batterie al piombo (gli ioni di litio erano ancora un miraggio) e dichiarava una velocità massima di 70 Km/h. L’autonomia era (quasi) interessante – di circa 100 Km. Peccato che costava uno sproposito per l’epoca (oltre 30 milioni di Lire) e che le batterie andassero sostituire ogni 35 mil Km – alla modica cifra 2.500.000 Lire.

Fiat Panda prima serie
Fiat Panda 1 serie (141) – classe 1980
Fiat Panda 141A
Fiat Panda 1 serie restyling (141A) – classe 1986
fiat panda seconda serie
Fiat Panda 2 serie (169) – classe 2003
fita panda 3 serie
Fiat Panda 3 serie (2012) – classe 201

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *