Cosa succede se non pago il bollo?

Vi siete ricordati di pagare il Bollo Auto? Se lo avevate in scadenza ad agosto, e ancora non avete provveduto, affrettatevi! L’ultimo giorno disponibile per non pagare gli interessi di mora è infatti il 1 ottobre, dato che quest’anno il 30 settembre è una domenica.

Come si paga questa tassa? Oramai i metodi sono molteplici e comprendono sia i “classici” bollettini alla Posta o bonifici bancari che tabaccai autorizzati, senza dimenticare le agenzie di pratiche auto, le uniche in grado di correggere eventuali dati errati presenti nel sistema. Per chi vuole ci sono anche i metodi totalmente informatici, come il BolloNet ACI: in questo caso è bene però controllare prima quali regioni d’Italia consentano questo tipo di pagamento.

Ma cosa succede se si paga in ritardo? In tal caso bisogna aggiungere all’ammontare della tassa anche le sanzioni e gli interessi, calcolati in base a quanto tempo passa dalla scadenza prevista: se si effettua il versamento entro 14 giorni bisognerà calcolare una sanzione del 0,2% dell’importo originario per ogni giorno in più rispetto al termine ultimo di pagamento. Con un ritardo compreso tra 15 e 30 giorni, invece, la sanzione sale al 3% (non giornaliero, ovviamente!), mentre per periodi superiori (ma comunque entro un anno) si arriva al 3,75%. A tutti questi importi vanno sommati anche gli interessi legali giornalieri, che su base annua corrispondondono al 2,5%. Nel caso il ritardo superi i dodici mesi, allora la “multa” è fissata al 30% della tassa originaria più gli interessi, pari, in questo caso, all’1% per semestre.

E se riceviamo una segnalazione per un “mancato pagamento” del bollo relativo alla nostra vecchia auto (che nel frattempo è stata venduta o rottamata), oppure di uno che abbiamo versato regolarmente? Nel primo caso potremo contestare l’atto grazie alla data dell’atto di vendita (oppure di perdita di possesso o di radiazione dal Pubblico Registro Automobilistico), mentre nel secondo bisognerà “semplicemente” ritrovare le ricevute del passato pagamento, così da attestarne la regolarità. In ogni caso è possibile (e consigliato) effettuare operazioni del genere in un’agenzia di pratiche auto, così da velocizzare le procedure ed essere tranquilli sulla loro correttezza formale.

  •  
    1
    Share
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Vedi tutti i commenti

Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *