Mercedes AMG SLC43, scoperta tedesca

Indipendentemente dalla scelta (Premium, AMG Line o Mercedes-AMG), SLC è disponibile per tutte e cinque le motorizzazioni in versione RedArt Edition, con DNA spiccatamente sportivo. I modelli quattro cilindri SLC 180*, SLC 200*, SLC 250 d* e SLC 300* vengono proposti nell’esclusiva verniciatura opaca argento iridio designo magno. In alternativa, i Clienti possono scegliere tra altre sei tonalità. Forte di design accattivante e dettagli caratteristici, la RedArt Edition vanta un carattere decisamente sportivo, sottolineato da particolari rossi a livello di carrozzeria e interni. Lo spoiler frontale rosso, la griglia Matrix dal design esclusivo con punti rossi e neri, le alette sui parafanghi con l’esclusivo badge Edition ed il diffusore con modanatura decorativa rossa conferiscono a SLC RedArt Edition un look semplicemente inconfondibile.

Il modello speciale RedArt Edition vanta, tra l’altro, cerchi in lega leggera AMG da 45,7 cm (18”) a 5 razze, grembialatura anteriore e posteriore AMG, assetto sportivo, impianto di scarico sportivo (SLC 200 e SLC 300), strumentazione con quadranti con fondo a scacchi ispirato alla bandiera del traguardo delle corse automobilistiche e tappetini AMG.

* Consumo di carburante, ciclo combinato: 7,8 – 4,4 l/100 km.

Gli interni della RedArt Edition colpiscono per gli esclusivi rivestimenti dei sedili in pelle nera con inserti in pelle nappa argento perla con cuciture decorative a contrasto rosse e logo Edition ricamato sui poggiatesta. Elementi in pelle goffrata carbon look sui poggiatesta, volante sportivo e leva selettrice DYNAMIC SELECT regalano un tocco spiccatamente sportivo in più alla vettura. A richiesta, per i modelli SLC sono disponibili anche rivestimenti dei sedili bicolore in pregiata pelle nappa. Altri indiscussi highlight del modello sono: sedili riscaldabili, riscaldamento per la zona della testa AIRSCARF per guidatore e passeggero anteriore ed inserti in alluminio con finitura in carbonio scuro.

  •  
    1
    Share
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •