Home Tags Post "Skoda"

volkswagen golf

Tra le auto più vendute in Europa a maggio 2014 si fanno notare ben 8 tedesche (o quasi) su 10.

Non sappiamo dove arriverà la Germania ai Mondiali di Calcio in Brasile, ma una cosa è certa: se il Campionato del Mondo dovesse decidersi per auto vendute il primato andrebbe proprio ai tedeschi, almeno guardando al mercato europeo.

Le vendite nel Vecchio Continente stanno infatti ripartendo e la Germania si posiziona bene con una Top Ten pressoché dominata. Tra le prime 10 si piazzano infatti 5 tedesche “autentiche” (Volkswagen, Audi e Opel); due “in trasferta” – con Ford, americana, ma con una filiale europea (in Germania appunto) con ben poco di yankee - e “una in famiglia” con Skoda, all’anagrafe Ceca, ma naturalizzata tedesca da anni e sotto l’egida Volkswagen.

Il gradino più alto del podio va all’inossidabile Volkswagen Golf, seguita dalla Renault Clio e dalla Ford Fiesta con onorevoli argento e bronzo. L’altra seconda non tedesca è ancora francese, su altro versante e rappresentata dalla compatta Peugeot 208.

Per completezza vi lasciamo alla classifica delle auto più vendute in Europa a maggio 2014 con relative variazioni rispetto al mese precedente.

Auto più vendute in Europa a maggio 2014

1) Volkswagen Golf 49.202 (+16,1%)
2) Renault Clio 27.205 (+22,6%)
3) Ford Fiesta 26.875 (+1,0%)
4) Opel Corsa 21.507 (-4,3%)
5) Volkswagen Polo 20.941 (-4,7%)
6) Audi A3/S3/RS3 18.620 (+19,9%)
7) Ford Focus 18.522 (-9,0%)
8) Peugeot 208 18.075 (-21,7%)
9) Skoda Octavia 17.785 (+57,4%)
10) Opel Astra 17.370 (+1,7%)

di Alessio Macaluso – Per la rubrica “Consigli per gli acquisti” oggi vi parleremo di quei modelli destinati alla città con un listino prezzi non superiore ai 10 mila Euro. Sono stati molti gli utenti che ci hanno scritto (qualeauto@autoword.it) richiedendoci in particolare queste due caratteristiche – ecco quindi una selezione dei modelli presenti in listino che vi presenteremo – limitando il nostro lavoro a fornirvi tutti i dati e gli strumenti per farvi giudicare senza i tipici condizionamenti del “cronista”.