FCA fornirà Google per il lancio dell’auto a guida autonoma

Il Gruppo FCA fornirà al colosso del web Google migliaia di modelli firmati Chrysler Pacifica ibrida. La divisione automobilistica di Google potrà quindi usare il monovolume realizzato dal gruppo a cui fa capo Fiat per lanciare il servizio di taxi a guida autonoma, senza tassista! Una accordo tra FCA e Google che tocca di fatto non è nuovo. E’ già la terza volta che i due brand si legano in partnership. Nel 2016 altre 100 Chrysler Pacifica hybrid finirono a Waymo – per poi aggiungerne altre 100 l’anno successivo.

Ma quindi Fiat avrà la guida autonoma?

Ok, l’accordo commerciale è bello, fa piacere, tutto vero. Ma volendo – e dovremmo proprio volerlo – va anche tradotto come un passo fondamentale di guida autonoma abbinata a modello Fiat. Lo sviluppo non avverrà quindi tra le quattro mura di FCA, ma è altamente possibile che queste partnership facciano da collante tra Fiat ed una tecnologia che presto o tardi debutterà su vasta scala.

Orgoglio Marchionne

Ed è lo stesso Sergio Marchionne, amministratore delegato di FCA – a dare la notizia della terza volta tra FCA e Google: “La nostra partnership con Waymo continua a crescere e si rafforza. Questo è l’ultimo segnale in ordine temporale del nostro impegno verso questa tecnologia”.

Dicono da Google

Gli fa eco John Krafcik, ad di Waymo: “Con la prima flotta di auto completamente autonome in strada, ci stiamo spostando dalla fase di ricerca e sviluppo a quella operativa. I minivan Pacifica ibridi offrono interni versatili e una corsa confortevole. Gli ulteriori veicoli” ordinati “ci consentiranno di crescere”.

Espansione negli USA

Waymo debutterà quindi con il suo primo servizio di auto senza conducente in quel di Phoenix, ma tutte le Chrysler Pacifica ibride saranno utilizzate per debuttare anche in altre città degli Stati Uniti d’America. Per il momento la guida autonoma testata da Waymo è già stata testata in oltre 25 città USA – tra cui San Francisco, Detroit ed Atlanta.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Vedi tutti i commenti

Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person. Required fields marked as *