La manutenzione dell’aria condizionata: come mantenerla in efficienza

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedintumblrmail

La manutenzione dell’aria condizionata è probabilmente quella più trascurata dagli automobilisti. La stagione estiva è ormai alle porte e il buon funzionamento del condizionatore auto non equivale solo ad un maggior comfort di bordo, ma  rappresenta anche un elevato standard di sicurezza risparmiandoci le conseguenze e i pericoli causati dalle temperature eccessive.

Dal punto di vista tecnico è fondamentale controllare il sistema di aria condizionata auto ogni 15 mila chilometri o comunque almeno una volta l’anno. Nel periodo di 12 mesi infatti il liquido refrigerante può evaporare fino al 10% del totale. Un calo che non è assolutamente da sottovalutare – non solo perché andremo a perdere il “potere rinfrescante” del climatizzatore, ma che rischia anche di danneggiare il compressore – il “cuore” di tutto il sistema di aria condizionata della nostra automobile.

Un altra regola da seguire per una corretta manutenzione dell’aria condizionata sta poi nel suo utilizzo. Un accensione regolare – anche d’inverno e per pochi minuti al giorno – lubrifica le guarnizioni e “mantiene allenato” il compressore, evitando che una prolungata inattività sia causa di danni al sistema. Ma verificare la quantità di liquido refrigerante non è sempre sufficiente: ogni anno occorre infatti  far controllare il condensatore, l’evaporatore, la valvola di espansione e compressione. Controlli cadenzati ogni 24 mesi possono invece coinvolgere i tubi flessibili e le guarnizioni.

Ma come dicevamo la perfetta manutenzione del condizionatore auto ha anche effetti benefici sulla salute degli occupanti. Proprio il climatizzatore è infatti protetto da filtri che trattengono le particelle inquinanti, ma anche pollini, batteri e polvere. Una corretta manutenzione garantisce quindi una migliore qualità dell’aria nell’abitacolo.

Un pensiero riguardo “La manutenzione dell’aria condizionata: come mantenerla in efficienza

  • 4 settembre 2017 in 2:57 pm
    Permalink

    Bell’articolo – temo di non avere mai cambiato i filtri del condizionatore… sarà ora di farlo!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *